Ago26

Santa Maria della Pace - L'Implorazione di Sisto V

Santa Maria della Pace - L'Implorazione di Sisto V

La chiesa fu dedicata alla Vergine dopo un miracolo. Se penetriamo per le stradine adiacenti piazza Navona, affollate di turisti e di botteghe antiquarie, e penetriamo nel cuore della Roma rinascimentale e barocca, ci imbattiamo in una delle piazzette più suggestive della città: quella su cui sorge la chiesa di Santa Maria della Pace.

Anticamente la chiesa era dedicata a Sant’Andrea detto degli Acquarenarii, ovvero dei Pescatori, e una leggenda narra che un giovane, mentre giocava con un suo compagno, a causa di una forte perdita di denaro, si adirò al punto di ferire con un sasso l’immagine della Vergine esposta nel portico adiacente la chiesa.
L’immagine sanguinò e l’evento fu conosciuto da Papa Sisto IV che, commosso dal prodigio, decise di implorare dinanzi a quell’immagine della Vergine Maria, la pace per l’Italia tormentata da guerre e dissidi. La grazia fu esaudita e il Papa nel 1482 pose l’immagine sull’altare maggiore e dedicò la chiesa a Santa Maria della Pace. Molti artisti, successivamente, la abbellirono, e molti Papi e fedeli invocarono qui la pace. Anche noi, eredi di tanta fede, siamo esortati a continuare questa testimonianza, a rivolgerci a Maria per ottenere con la nostra preghiera la pace.

10 settembre 2006

  • banner-corali

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Per saperne di più.

Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.