Come la cerva

Come la cerva anela ai corsi d'acqua
così l'anima mia anela a Te.
L'anima mia ha sete di Dio,
sete del Dio vivente,
quando verrò e vedrò il suo volto,
vedrò il volto di Dio.

Le lacrime sono mio pane giorno e notte,
mentre dicon sempre dov'è il tuo Dio.
A questo ricordo si strugge il mio cuore,
si strugge il mio cuore.

Attraverso la folla avanzavo tra i primi
fino alla casa di Dio.
In mezzo ai canti, ai canti di gioia
d'una moltitudine in festa.

Perché ti rattristi, anima mia
e perché tu gemi su di me,
spera in Dio potrò lodarlo,
potrò lodarlo ancora.
Lui salvezza del mio volto,
mia salvezza mio Dio.

Verrò all'altare del mio Dio,
al Dio della mia gioia,
a te canterò con la cetra Signore
al Dio del mio giubilo.

Perché ti rattristi anima mia
e perché tu gemi su di me
spera in Dio potrò lodarlo,
potrò lodarlo ancora.
Lui salvezza del mio volto
mia salvezza mio Dio.

Disponibile su

Marco Frisina Official Website | Copyright © 2017 - All Right Reserved

Powered by NOVA OPERA

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Ok