Sui Fiumi di Babilonia

RIT. SUI FIUMI DI BABILONIA NOI SEDEVAMO PIANGENDO
       AL RICORDO DI SION, AL RICORDO DI SION.

Ai salici di quella terra,
ai salici noi appendemmo le nostre cetre.
Là ci chiedevano parole di canto
coloro che ci avevan deportato,
canzoni di gioia i nostri oppressori.
Cantateci i canti di Sion.
Come cantare i canti del Signore
in terra straniera?
RIT.

Se ti dimentico mia terra,
Gerusalemme città santa, Gerusalemme!
Se ti dimentico Gerusalemme
si paralizzi questa mia destra,
si attacchi la lingua al mio palato
se il tuo ricordo lascio cadere,
se io non pongo al disopra di ogni gioia,
Gerusalemme.
RIT.

Disponibile su

Marco Frisina Official Website | Copyright © 2017 - All Right Reserved

Powered by NOVA OPERA

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioni Ok